La Commissione europea e la BCE lanciano un progetto sull'euro digitale.

Sei pronto per utilizzare un "portafoglio digitale"? Per chi non lo sapesse, questo si riferisce a una valuta virtuale che dovrebbe essere un complemento al denaro nei portafogli delle persone. I banchieri centrali dell'Eurozona si propongono di lanciare il cosiddetto euro digitale entro la fine dell'anno. L'euro digitale sarà una forma elettronica di moneta della banca centrale, pensata per essere accessibile a tutti. Il nuovo strumento di pagamento è solo una parte di una rivoluzione attualmente in corso nel mondo a volte oscuro delle criptovalute.

Questi vanno dalle criptovalute e dalle monete stabili ai token crittografici.

I ministri delle finanze dell'Unione europea sperano di rubare una marcia al resto del mondo con il lancio non ufficiale, forse già in primavera, di un euro digitale.

Questo, in parte, mira a contrastare il progetto Diem, una singola moneta digitale sostenuta da un dollaro. Diem, che significa "giorno" in latino, è supportato dal gigante dei social media Facebook e da altre 26 società che prevedono di lanciare il servizio di pagamento quest'anno.

I personaggi politici dell'UE hanno sollecitato un'azione rapida per abbinare la Cina e altre banche centrali che stanno anche prendendo in considerazione versioni virtuali del loro denaro.

L'euro digitale è un progetto complesso che faciliterebbe i pagamenti ma potrebbe anche scuotere le fondamenta del sistema finanziario. Assumerebbe anche l'influenza globale del dollaro USA nel settore.

Un euro digitale vuole essere un supplemento, non un sostituto, del contante fisico e non implica che le banconote e le monete scompariranno.

Mira a tenere conto della digitalizzazione, dei rapidi cambiamenti nel panorama dei pagamenti e dell'emergere di cripto-asset.

Il dibattito sull'euro digitale, tuttavia, ha concentrato l'attenzione sulle questioni relative alle criptovalute.

Facebook è stato uno dei primi fuori dai blocchi con il suo annuncio la scorsa estate del progetto per lanciare la propria valuta digitale (inizialmente chiamata Libra ma da allora ribattezzata Diem)

Alcune banche centrali, tra cui Svezia e Cina, stanno ora lavorando su versioni digitali delle proprie valute.

La Commissione e la BCE sperano di lanciare un progetto sull'euro digitale verso la metà del 2021.

"Un tale progetto risponderebbe a questioni tecniche e progettuali chiave e fornirebbe alla BCE gli strumenti necessari per essere pronta a emettere un euro digitale se tale decisione fosse presa", affermano le due istituzioni in una dichiarazione congiunta.

Un portavoce della Commissione ha detto che una serie di "questioni politiche, legali e tecniche" deve ancora essere affrontata.

La BCE ha lanciato una consultazione pubblica sull'introduzione di un euro digitale come valuta digitale della banca centrale nel novembre 2020. Questa è concepita per essere un'opportunità per le persone di esprimere le loro priorità, preferenze e preoccupazioni riguardo all'emissione di un euro digitale come valuta valuta digitale della banca e mezzi di pagamento nell'area dell'euro.

Fabio Panetta, membro del Comitato esecutivo della Bce, ha recentemente scritto all'europarlamentare Irene Tinagli, presidente della Commissione per i problemi economici e monetari (ECON) al Parlamento europeo, sulla questione.

Ciò ha coinciso con la recente audizione di Panetta davanti alla commissione a seguito della pubblicazione del rapporto sull'Eurosistema sull'euro digitale. La consultazione pubblica si è conclusa il 12 gennaio 2021 e ha generato una risposta particolarmente impressionante.

Panetta afferma che la risposta riflette il crescente interesse per una questione che, fino a poco tempo fa, è stata alla periferia.

Ha detto: “Sono lieto di dire che 8,221 cittadini, aziende e associazioni di categoria hanno risposto al questionario online, un record per le consultazioni pubbliche della BCE.

“L'elevato numero di risposte al nostro sondaggio mostra che i cittadini, le imprese e gli accademici europei sono fortemente interessati a dare forma alla visione di un euro digitale. Le opinioni di tutte le parti interessate sono della massima importanza per noi mentre valutiamo la necessità, la fattibilità, i rischi e i benefici di un euro digitale ".

L'italiano afferma che un euro digitale "combinerebbe l'efficienza" di uno strumento di pagamento digitale con la "sicurezza" della moneta della banca centrale.

"La protezione della privacy sarebbe una priorità fondamentale, in modo che l'euro digitale possa aiutare a mantenere la fiducia nei pagamenti nell'era digitale".

Ha detto: "Ora analizzeremo in dettaglio il gran numero di risposte".

Una prima analisi dei dati grezzi mostra che la privacy dei pagamenti è al primo posto tra le caratteristiche richieste di un potenziale euro digitale (41% delle risposte), seguita dalla sicurezza (17%) e dalla portata paneuropea (10%).

Il membro del consiglio di amministrazione della BCE avverte: “La consultazione pubblica è stata progettata per essere aperta a tutti senza restrizioni. Allo stesso tempo, data la sua natura e il fatto che i rispondenti hanno risposto al questionario di propria spontanea volontà e non sono stati selezionati sulla base di alcun criterio particolare, i dati raccolti attraverso la consultazione non sono mai stati intesi come rappresentativi delle opinioni popolazione nel suo insieme e non dovrebbe essere interpretato come tale.

La BCE, ha affermato il funzionario, continuerà ad analizzare le risposte e pubblicherà in primavera un'analisi "completa" della consultazione che "giocherà un ruolo importante" nell'aiutare il Consiglio direttivo della BCE a decidere se lanciare o meno un progetto sull'euro digitale .

Dice: "Attendo con impazienza di riferire i dettagli dell'analisi su questo importante argomento in primavera".

Quindi, quali sono i vantaggi percepiti di un euro digitale?

Ebbene, un potenziale vantaggio è che i risparmiatori, ad esempio, potrebbero vedere più vantaggi nel detenere euro digitali che depositare i loro contanti in conti, che possono comportare commissioni e offrire scarso rendimento ai tassi attuali.

Un euro digitale potrebbe, inoltre, facilitare i pagamenti in tutta Europa e offrire l'opportunità a ogni cittadino dell'area dell'euro di avere un conto di deposito nelle mani presumibilmente sicure della BCE.

Ma molte questioni in sospeso restano da risolvere, inclusa la tecnologia che alimenterebbe l'euro digitale.

Un altro problema è il livello di privacy, una delle principali preoccupazioni sollevate nella consultazione pubblica della BCE.

Il rapporto dell'Eurosistema sull'euro digitale, pubblicato di recente, afferma che "un euro digitale potrebbe supportare la digitalizzazione dell'economia dell'UE e la sua autonomia strategica", soprattutto quando si tratta di banca di corrispondenza per le imprese internazionali.

Descrive anche due approcci al funzionamento di un euro digitale: uno che richiede agli intermediari di elaborare il pagamento e uno che non lo fa.

La BCE spiega: "Se progettiamo un euro digitale che non ha bisogno che la banca centrale o un intermediario siano coinvolti nell'elaborazione di ogni singolo pagamento, ciò significa che l'utilizzo di un euro digitale sarebbe più vicino ai pagamenti in contanti, ma in digitale form - saresti in grado di utilizzare l'euro digitale anche quando non sei connesso a Internet e la tua privacy e i tuoi dati personali sarebbero protetti meglio ".

Dice che l'altro approccio è progettare un euro digitale con gli intermediari che registrano la transazione. Ciò funzionerebbe online e consentirebbe un più ampio potenziale di servizi aggiuntivi da fornire ai cittadini e alle imprese, creando opportunità di innovazione e possibili sinergie con i servizi esistenti.

Il membro senior del Parlamento europeo Stéphanie Yon-Courtin, vicepresidente dell'influente commissione ECON, ha parlato a questo sito dell'euro digitale, dicendo: "Come per ogni progetto relativo alla digitalizzazione della nostra economia, l'euro digitale dovrebbe essere costruito tenendo a mente l'innovazione, la protezione dei consumatori e la stabilità finanziaria ".

Il membro francese di RE ha aggiunto: "Confido nella competenza della BCE nel raggiungere questo delicato equilibrio".

Nel frattempo, la Commissione e la BCE continueranno la loro cooperazione su un euro digitale e proseguiranno i loro sforzi per "garantire un settore europeo della finanza digitale forte e vivace e un settore dei pagamenti ben integrato per rispondere alle nuove esigenze di pagamento in Europa".

Il presidente della BCE Christine Lagarde afferma: "Siamo ancora nella fase di revisione e considerazione, ma abbiamo appena completato una consultazione pubblica in modo che i consumatori e gli europei possano effettivamente esprimere la loro preferenza e dirci se sarebbero felici di utilizzare un euro digitale solo nel modo in cui usano una moneta o una banconota in euro, sapendo che è la moneta della banca centrale che è disponibile e su cui possono fare affidamento ".

Il funzionario francese di nascita aggiunge: “Abbiamo ricevuto una miniera di informazioni che stiamo attualmente elaborando. È solo in primavera, probabilmente in aprile, che determineremo se proseguire o meno il lavoro che dovrà essere svolto.

"La mia impressione, ma questa è una decisione che verrà presa collettivamente, è che potremmo andare in quella direzione",

Lagarde ha ammonito, anche se vede una sequenza temporale di almeno cinque anni come una "sequenza temporale fattibile" per un euro digitale.

"Si tratta di una questione complicata che deve essere risolta senza interrompere l'attuale scena finanziaria né mettere a repentaglio le decisioni di politica monetaria".

Un ulteriore commento viene dal vicepresidente esecutivo della Commissione Valdis Dombrovskis, che afferma: “Penso che abbiamo bisogno di un euro digitale. Posso davvero dire che questo dibattito è in corso e che si stanno compiendo progressi in questa direzione.

“La BCE e la Commissione europea esamineranno congiuntamente un'ampia gamma di questioni politiche, legali e tecniche e ci sono alcune domande di progettazione a cui dovremmo rispondere. Ma possiamo vedere come gli euro digitali possono essere utilizzati nei pagamenti internazionali ".

Leo Van Hove, professore di economia monetaria presso la Solvay Business School dell'Università di Vrije di Bruxelles (VUB), è un altro che ha accolto con cautela l'euro digitale. Ha detto che l'attrazione principale dell'euro digitale, se e quando accadrà, risiede nella sua natura priva di rischi.

Come sottolineato da Lagarde, un ruolo fondamentale della BCE è garantire la fiducia nel denaro. A differenza delle banche commerciali, una banca centrale non può fallire, poiché può creare denaro dal nulla.

Afferma che se l'euro digitale deve diventare un nuovo efficace strumento di politica monetaria, i "limiti di partecipazione" non possono essere troppo rigidi.

"Se la BCE vuole davvero essere solo un 'fornitore di servizi di pagamento di ultima istanza' e, in questo modo, mantenere la funzione di intermediazione delle banche, i funzionari dell'Eurosistema devono chiaramente affrontare un difficile - e strano - atto di bilanciamento".

Per affrontare tali sfide politiche, legali e tecniche, il 19 gennaio la BCE e la Commissione europea hanno istituito un gruppo di lavoro congiunto per facilitare i lavori preparatori.

Lo scorso ottobre, anche la BCE ha presentato il suo studio sulla questione alla commissione ECON.

Il tedesco MEO Markus Ferber, che è il coordinatore del PPE nella commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo, ha spiegato: “Preferisco avere un Lagarde-Euro digitale piuttosto che uno Zuckerberg-Libra. In aree sensibili come i pagamenti, dobbiamo mantenere in carica le banche centrali e non i consorzi privati, come nel caso di Libra di Facebook ".

Ferber ha osservato: "La presentazione della BCE lo scorso autunno ha anche chiarito che ci sono ancora numerose sfide da superare prima che un euro digitale diventi operativo - con sicurezza, stabilità finanziaria e protezione dei dati, l'elenco è lungo".

Ferber ha dichiarato a questo sito: “La BCE deve sostenere una tesi molto forte sull'effettivo valore aggiunto di una valuta digitale sponsorizzata dalla banca centrale. La moneta della banca centrale digitale non è fine a se stessa. Una cosa deve essere molto chiara: un euro digitale può solo integrare il contante come mezzo di pagamento e non deve sostituirlo ".

Sebbene siamo tutti abituati all'idea della valuta digitale - spendere e ricevere denaro che non è fisicamente di fronte a noi - le criptovalute - valute digitali decentralizzate che utilizzano la crittografia per la sicurezza - rimangono ancora un mistero per la maggior parte delle persone.

A parte un euro digitale, ci sono criptovalute come il bitcoin che continua a scambiare vicino al suo massimo storico raggiunto a gennaio. Il suo prezzo è ora di oltre 57,000 dollari, in aumento di circa il 77% nell'ultimo mese e del 305% nell'ultimo anno.

Lanciato per la prima volta nel 2009 come valuta digitale, Bitcoin è stato per un po 'utilizzato come moneta digitale ai margini dell'economia.

Bitcoin è ancora utilizzato ed è scambiato molto attivamente negli scambi di criptovaluta, che consentono agli utenti di scambiare denaro "ordinario" come euro con bitcoin.

Bitcoin è la criptovaluta originale e rappresenta oltre la metà del mercato globale di scambio di monete da 285 miliardi di dollari. Ma quel dominio è minacciato, con una serie di monete digitali alternative che emergono mentre gli sviluppatori gareggiano per costruire criptovalute in grado di entrare nel commercio e nella finanza tradizionali.

Esistono anche token crittografici come quelli di LGR Global Moneta della via della seta (SRC). Si tratta di una soluzione tecnologica innovativa basata su blockchain, chiamata utility token, che viene utilizzata per accedere a una suite di servizi di finanza commerciale e di movimento di denaro di nuova generazione all'interno dell'ambiente aziendale digitale protetto di LGR.

LGR GlobalIl fondatore e CEO di, Ali Amirliravi, ha spiegato a EU Reporter il business case per l'utilizzo di un utility token come SRC piuttosto che Bitcoin per il commercio internazionale transfrontaliero:

"Le fluttuazioni di valore che stiamo vedendo nel mercato in questo momento rendono Bitcoin molto interessante per investitori e speculatori, tuttavia per i clienti business che cercano di trasferire rapidamente e in modo affidabile il valore oltre confine, queste fluttuazioni possono causare complicazioni e mal di testa contabili. Ciò che il settore della finanza commerciale sta davvero cercando è un modo per sfruttare i vantaggi delle risorse digitali (ovvero velocità, trasparenza, costi), proteggendosi dall'incertezza e dalle fluttuazioni di valore. L'ambiente aziendale sicuro di LGR sfrutta la potenza del token di utilità blockchain SRC e lo combina con una singola coppia di valute fiat (EUR-CNY) per offrire ai nostri clienti il ​​meglio di entrambi i mondi "

Inoltre, ci sono monete stabili come USDTether americano. A differenza di molte valute digitali, che tendono a fluttuare selvaggiamente rispetto al dollaro, Tether è ancorato alla valuta statunitense.

Questo dovrebbe proteggere gli investitori dalla volatilità che può influenzare Bitcoin, Ethereum, Ripple e Litecoin. Tether è la nona più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato, con monete del valore di circa $ 3.5 miliardi esistenti.

Per non essere da meno, la Cina è inevitabilmente anche pioniera del proprio Yuan digitale, un sistema di pagamento creato dallo stato cinese e noto come Digital Currency Electronic Payment (DCEP).

Come Bitcoin, DCEP utilizza una tecnologia blockchain, un tipo di libro mastro digitalizzato utilizzato per verificare le transazioni. Blockchain funge da record universale di ogni transazione mai effettuata su quella rete e gli utenti collaborano per verificare nuove transazioni quando si verificano.

Sebbene la Cina non abbia offerto un calendario per il lancio ufficiale del DCEP, la banca centrale del paese punta a un test più ampio dello yuan digitale prima dell'inizio delle Olimpiadi invernali del 2022, che si svolgeranno a Pechino il prossimo febbraio.

Un'altra classe di criptovaluta che si sta dimostrando molto popolare e forse ha maggiori possibilità di diventare più popolare rispetto alla valuta fisica sono le cosiddette `` stable-coin '', ovvero le criptovalute il cui valore è collegato a valute `` normali '' come gli Stati Uniti. dollaro, euro e sterlina, in modo che, a differenza di Bitcoin, un'unità non possa valere £ 26,000 un anno e £ 6,000 due anni dopo. Tuttavia, alcune controversie circondano tali valute. Ad esempio, una società di trading di criptovaluta israeliana, CoinDash, ha riferito che 7 milioni di dollari sono stati rubati agli investitori lo scorso luglio dopo che il suo sito Web è stato violato e l'indirizzo di contatto di un'offerta iniziale di monete è stato modificato e uno scambio sudcoreano, Yapizon, è stato violato ad aprile con gli hacker sospettato di aver rubato fondi per circa 5 milioni di dollari

Come ogni spazio che si sviluppa rapidamente come funghi con nuove tecnologie, ci sono criptovalute di qualità superiore e quelle di qualità inferiore.

Resta da vedere se la criptovaluta diventerà più popolare della valuta fisica in futuro ma, parlando a EU Reporter, l'eurodeputato olandese Derk Jan Eppink, ha dichiarato: "Central Bank Digital Currency, o CBDC, solleva una questione fondamentale sul ruolo di una banca centrale Certamente, l'euro digitale fornirebbe ai consumatori un credito digitale sulla banca centrale sicuro come il contante.

"Ma d'altra parte, con l'emissione della CBDC le banche commerciali perderebbero una fonte essenziale di finanziamento e dovrebbero fare sempre più affidamento sulle obbligazioni o sul credito della banca centrale per il finanziamento".

Guardando al futuro, il deputato europeo dei conservatori e riformisti dichiara: "Speriamo che la chiamata di Benoît Cœuré per un" giuramento monetario ippocratico "serva a tutti noi".


About the Author



Back to Top ↑