Pozzo: "Serie A può ripartire, ma solo a fine giugno"

"Da noi c'è una grande dose di individualismo, di egoismo, qualcuno vuole fare il furbo, giocando con il pallone: io ne ho le prove. Il primo Protocollo, che prevedeva la quarantena ai giocatori per tutta la durata della fase finale del campionato, era impossibile da applicare: per me, e per essere coerenti, c'è bisogno di tutto il mese di giugno per allenarsi bene. A fine giugno, poi, si ricomincia.
    Bisogna trovare un accordo. Abbiamo perso tre mesi, non per capriccio, si può spostare tutto". Lo ha detto il patron dell'Udinese, Giampaolo Pozzo, parlando a Radio Anch'io lo sport, in onda su RadioRai. "Sull'ultima rata dei diritti tv da incassare ci si può mettere d'accordo - aggiunge il patron dell'Udinese, Giampaolo Pozzo - purché si ragioni serenamente, come sta facendo il Governo con il gruppo degli scienziati. Ne stiamo uscendo fuori, ma dobbiamo continuare con la dovuta prudenza, soprattutto nel calcio: abbiamo visto i disastri fatti con le partite di Milano e Valencia". 


About the Author



Back to Top ↑