Ok della Commissione a test Covid armonizzati, basta approccio frammentato

BRUXELLES - Armonizzare i test per il Covid-19, stop ad un approccio frammentato nella Ue. Via libera dagli "ambasciatori dei 27 Paesi dell'Unione europea all'aggiornamento della raccomandazione sul coordinamento delle restrizioni alla libera circolazione nell'Ue". Lo ha annunciato un portavoce dell'esecutivo comunitario, precisando che "l'aggiornamento era stato proposto dalla Commissione europea dieci giorni fa, in risposta all'appello dei leader dell'Unione". "Ora possiamo essere fiduciosi: con questo aggiornamento e con il certificato digitale Covid dell'Ue, gli europei potranno godersi una vacanza estiva sicura e senza problemi, con restrizioni di viaggio limitate, qualora ve ne fossero", ha affermato il portavoce.

"La raccomandazione è chiara: i cittadini completamente vaccinati e guariti dovrebbero essere esentati dalle restrizioni relative ai viaggi", ha precisato. "Gli Stati membri hanno inoltre concordato una armonizzazione della validità dei test: 72 ore per quelli Pcr e 48 ore per quelli antigenici (Rat test)", ha aggiunto, sottolineando che ciò "è molto apprezzato dato l'approccio frammentato che ci è stato fino ad ora". Nella raccomandazione, ha spiegato il portavoce vengono chiarite "anche le regole per i bambini, garantendo l'unità delle famiglie durante il viaggio". I Paesi hanno "adeguato alla situazione epidemiologica e ai progressi in materia di vaccinazione" i criteri per la classificazione delle aree a rischio, che vengono utilizzati per produrre la mappa pubblicata settimanalmente dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc).


About the Author



Back to Top ↑