Birmania: nuova accusa per Aung San Suu Kyi

L'ex leader birmana Aung San Suu Kyi, rovesciata da un colpo di stato il 1 febbraio, si è vista notificare oggi una seconda accusa, quella di "aver violato la legge sulla gestione della catastrofi naturali", secondo quanto ha appreso l'AFP dal suo avvocato Khin Maung Zaw. La prima accusa riguardava l'uso di walkie-talkie importati illegalmente. Il partito della Premio Nobel per la pace ha fatto sapere che si trova agli arresti domiciliari nella capitale amministrativa Naypyidaw ed è in buona salute. 
   


About the Author



Back to Top ↑