Ecdc aggiorna rischio Covid, è alto per le varianti

BRUXELLES - A causa delle varianti il rischio associato a un'ulteriore diffusione del Covid nell'Ue è "attualmente valutato come alto-molto alto per la popolazione complessiva e molto alto per gli individui vulnerabili". Lo scrive l'Ecdc nella sua analisi del rischio aggiornata. I paesi dovrebbero accelerare le campagne di vaccinazione, raccomanda l'Agenzia, poiché le varianti hanno "maggiore trasmissibilità" e potrebbero "determinare una maggiore gravità della malattia", e "i vaccini con licenza esistenti" potrebbero essere "solo parzialmente o in gran parte meno efficaci".

Secondo i dati disponibili all'Ecdc, la variante B.1.1.7 (inglese) è attualmente molto più diffusa e abbondante nell'Ue rispetto alle varianti brasiliana e sudafricana. "Raccomandiamo agli Stati membri di continuare a sviluppare o aumentare le loro capacità di sequenziamento insieme a misure complementari come test, ricerca dei contatti, isolamento dei casi e messa in quarantena dei loro contatti", ha detto la direttrice dell'Ecdc Andrea Ammon.

La chiusura delle scuole, ricorda l'Agenzia, dovrebbe rimanere una misura di ultima istanza, strutturata in base all'età degli studenti, dai più grandi ai più piccoli. L'Ecdc ribadisce inoltre di essere a favore di "un certificato di vaccino per Covid-19 che documenterebbe se a qualcuno è stato somministrato il vaccino, il numero di dosi e il tipo di vaccino somministrato per scopi medici". Non si tratta di un "passaporto vaccinale", che anche se sostenuto da diversi paesi, vede l'Ecdc scettico perché "non vi sono prove sufficienti sull'efficacia della vaccinazione nel ridurre la trasmissione ai viaggiatori esenti con prova di vaccinazione da quarantena e / o test". I viaggi non essenziali dovrebbero essere evitati, prosegue l'Agenzia. La stanchezza da pandemia, cioè la mancanza di motivazione nel seguire le misure protettive, "sembra aumentare in alcuni contesti, e questo deve essere affrontato con urgenza se si vogliono evitare ulteriori ondate di infezione".

"Dalla nostra ultima valutazione la situazione epidemiologica è rimasta molto preoccupante", ha aggiunto Ammon in una nota che accompagna la valutazione. "A meno che le misure non farmaceutiche" come distanziamento, telelavoro ove possibile, restrizione agli spostamenti, mascherine e igiene mani, "non vengano continuate o addirittura rafforzate, nei prossimi mesi dovrebbe essere previsto un aumento significativo dei casi e dei decessi correlati al Covid-19", ha detto.


About the Author



Back to Top ↑