Di Piazza indaga L'arte di non amare

(di Mauretta Capuano) (ANSA) - ROMA, 13 FEB - GIUSEPPE DI PIAZZA, L'ARTE DI NON AMARE-GUIDA SENTIMENTALE ALLA COPPIA CONTEMPORANEA (HARPERCOLLINS, PP 172, EURO 16.00). Il colpo di fulmine, la seduzione, il primo contatto, la paura, il nervosismo, i silenzi e le parole. Immagina l'incontro tra una giovane donna e un giovane uomo, Margherita e Lucas, e segue la nascita e lo sviluppo del loro amore Giuseppe di Piazza, giornalista e scrittore, nel suo nuovo libro 'L'arte di non amare', pubblicato da HarperCollins, che alterna con originalità la narrazione di un amore con riflessioni, grafici, dati di inchieste. E ci sono anche tante citazioni amorose di grandi autori del passato e del presente dai versi di Ovidio a Roland Barthes, Erich Fromm e Julio Cortázar fino alle canzoni di Lucio Battisti a Leonard Cohen.
    "Viviamo tutti nel mito, ben coltivato dalla letteratura romantica, dell'assoluto, del per sempre. Ma la vita ci insegna, molto spesso e con durezza, a rispettare il relativo", afferma Di Piazza. Ed è qui il punto cruciale dell'indagare dell'autore, tutto giocato nel trovare il punto di contatto tra assoluto e relativo. "Amare o non amare è infatti la questione che sta sotto mille altre: dalla risposta che ognuno di noi sa o vuol dare dipende molto del nostro presente.
    E dalle azioni che ne conseguono, quasi tutto il nostro futuro" sottolinea Di Piazza, palermitano, che ha diretto periodici nazionali e attualmente lavora al Corriere della Sera. Con HarperCollins ha pubblicato i romanzi Malanottata, con cui ha vinto il Premio Cortina, 'Il movente della vittima' e 'I cinque canti di Palermo', ed è tradotto negli Stati Uniti e in Francia.
    Tra tecniche di corteggiamento antichissime, social network e siti di appuntamenti, Di Piazza insegue la sfida di capire come si vive l'amore oggi, soprattutto nelle grandi città. "Nel giro di vent'anni, i siti di incontri digitali hanno spazzato ogni concorrenza (40 per cento), a eccezione dei bar e dei locali, dove continuano a nascere il 28% delle coppie americane. In forte declino gli incontri procurati dagli amici, fino a dieci anni fa in testa alle occasioni di conoscenza (20%), superati come abbiamo visto pure da bar e locali assortiti" spiega. Ma, alla fine, "comincia sempre tutto con due esseri umani che il caso mette uno di fronte all'altro. Che sia un incontro fisico o virtuale, frutto questo secondo della diffusa cultura social digitale, poco importa", dice.
    E quando chiede "Cosa vi è piaciuto di lui o di lei la prima volta?" ci invita a guardare dentro noi stessi. In questo continuo dialogo che vede protagonisti Lucas e Margherita, l'autore e i lettori coinvolti in un inedito percorso prende forma un libro che è nello stesso tempo manuale, vademecum e trattato su quello che "muove il sole e l'altre stelle", dove non manca il triangolo, il tradimento, le ansie, le angosce e le emozioni.
    "Ma che cosa c'è nella richiesta d'approvazione che pervade i social? Quanta ansia genera l'attesa di un cuoricino in moltissimi utenti, anche non più giovani?". Fa i conti con questo l'amore ai giorni nostri: "di là il sogno social, di qua la verità umana. Dove social e umano sono in questo caso i due poli opposti di una stessa carica d'energia: uno alimenta l'altro, generando in noi desiderio". E se da ragazzi riempivamo le nostre camerette di poster con attrici, attori, calciatori, rocker, non è tanto diverso da oggi, "dall'essere follower adorante su Instagram di una Kardashian qualunque" dice di Piazza con il suo sguardo da reporter e l'animo del filosofo.
    Dedicato alla moglie Roberta, 'L'arte di non amare' riserva anche una sorpresa finale in cui l'autore si mette a nudo e mostra come in fondo la storia di Margherita e Lucas, con le loro vite complicate, possa essere quella di tutti noi. (ANSA).
   


About the Author



Back to Top ↑