'Il Cinema Ritrovato', a Bologna grandi anniversari e prime

 Quattrocento film in sette sale e tre arene all'aperto, a Bologna dal 25 al 31 agosto da mattina a notte, con due nuovi film in prima mondiale selezionati al Festival di Cannes ('Last words' di Jonathan Nossiter e 'Fellini degli spiriti' di Anselma Dell'Olio), la prima assoluta di 'Gomorra-New Edition' di Matteo Garrone (venerdì 21 agosto in piazza Maggiore, presentato dallo stesso regista), ma anche restauri, anniversari, riscoperte, nuovi documentari e cine-concerti con l'Orchestra del teatro Comunale di Bologna per 'The General' di Buster Keaton e la partitura ritrovata del capolavoro tedesco 'Sylvester', diretto nel 1924 da Lupu Pick. E' il biglietto da visita della 34/a edizione del festival 'Il cinema ritrovato', promosso "in totale sicurezza" dalla Cineteca di Bologna, che attraverserà la storia del cinema dalle origini ad oggi. In particolare 'Last words', film del regista brasiliano-americano, da anni residente in Italia, Jonathan Nossiter, selezionato in concorso al Festival di Cannes, sarà lunedì 31 agosto il film di chiusura del Cinema Ritrovato: interpretato da Nick Nolte, Charlotte Rampling e Alba Rohrwacher, è un film profetico che immagina la fine dell'umanità, la cui memoria rimane affidata unicamente al cinema. E la stessa Cineteca è uno dei pochissimi luoghi sopravvissuti in questo mondo post-apocalittico del 2086. Quest'anno si festeggiano alcuni importanti anniversari: gli 80 anni del 'Grande dittatore' di Charlie Chaplin, i 60 anni di 'Fino all'ultimo respiro' di Jean-Luc Godard, i 30 anni di 'Quei bravi ragazzi' di Martin Scorsese. Novità di quest'anno: 'Venezia Classici', la sezione della Mostra del Cinema di Venezia dedicata ai classici restaurati, si svolgerà interamente al Cinema Ritrovato, grazie alla collaborazione tra la Biennale di Venezia e la Cineteca di Bologna, mentre il Comunale ospiterà i programmi dedicati al cinema muto. Tra le retrospettive principali, quella dedicata a un indimenticabile volto americano, Henry Fonda, e quella su Marco Ferreri, uno dei registi più dissacranti del nostro cinema. "Per assicurare la sicurezza di tutti e per celebrare il cinema raddoppieremo gli schermi e le sale del festival", spiega il direttore della Cineteca, Gian Luca Farinelli. "A Piazza Maggiore si aggiungono la BarcArena e l'Arena Puccini, ai tradizionali cinema Lumière, Jolly e Arlecchino si affiancheranno Odeon, Manzoni e il teatro Comunale. Dieci sale e arene cinematografiche per ritrovare, assieme al nostro pubblico armato di mascherine e curiosità, il piacere di andare al cinema"
   


About the Author



Back to Top ↑