Calcio: Milan-Atalanta 1-1

Le due squadre più in forma della Serie A si frenano a vicenda. Fra Milan e Atalanta finisce 1-1 a San Siro, con Zapata che ha pareggiato i conti al 34', una ventina di minuti dopo il vantaggio di Calhanoglu, rimediando anche al rigore parato da Donnarumma a Malinovskyi. E' un punto che non permette ai bergamaschi di allungare sull'Inter e lascia i rossoneri al sesto posto, a -1 dalla Roma. L'Europa League è assicurata per la squadra di Pioli, ma per evitare i tre scomodi turni di qualificazione devono fare bottino pieno nelle ultime due partite con Sampdoria e Cagliari, sperando in un passo falso dei giallorossi.

L'Atalanta, deve invece guardarsi dall'Inter per difendere il secondo posto e sarà probabilmente decisivo lo scontro diretto all'ultima giornata di campionato, anche se gli uomini di Gasperini sono arrivati a Milano ancora convinti di poter mettere paura alla Juventus. Gomez ha confessato di aver urlato più che a per un gol dei suoi, a quello di Fofana con cui l'Udinese ha sconfitto la capolista, però ormai a un passo dallo scudetto.

Pioli sperava in una vittoria per festeggiare il rinnovo di contratto, e ci è andato vicino più volte nel finale, gestendo i cambi senza paura di sbilanciare la squadra e infuriandosi per un contatto in area fra Djimsiti e Ibrahimovic, non da rigore per Doveri. In attesa che si definisca il suo futuro, lo svedese ha vissuto una serata piuttosto difficile, con l'ex rossonero Caldara pronto a fare a sportellate per contenerlo. Con tante assenze, soprattutto in difesa non è poco per il Milan aver contenuto sola la macchina da gol nerazzurra, ora a -4 da quota 100 (Zapata e Muriel sono la coppia più produttiva in una singola stagione della storia del club, 18 reti a testa).

Gasperini, squalificato, si è sgolato dalla tribuna, disperandosi per il terzo rigore sbagliato dai suoi quest'anno a San Siro, dopo quelli contro l'Inter e in Champions. La bomba d'acqua su Milano lascia in eredità una serata fresca in cui le squadre aggrediscono subito la partita. Soprattutto l'Atalanta, che però al 14' viene punita dalla velenosa punizione di Calhanoglu (ottavo gol in campionato, il terzo nelle ultime 4 partite in cui ha servito anche 5 assist). Senza lo squalificato Hernandez, gli infortunati Romagnoli e Conti e con Kjaer acciaccato, la difesa rossonera regge. Ma i guai li combina Biglia.

Il primo è un'entrata scomposta in area su Malinovskyi: davanti al video Doveri assegna il rigore (ammonendo l'argentino, che rischia il rosso), che lo stesso ucraino al 26' si fa parare da Donnarumma (capitano per una notte), al quarto penalty neutralizzato in stagione. Il secondo pasticcio di Biglia è la palla persa di cui approfittano Freuler e Zapata, che sfrutta un rimpallo, prende posizione su Calabria e da due passi infila il portiere al 34'. Nella ripresa l'ingresso di Muriel si nota meno di quello di Leao e Bonaventura, che colpisce anche un palo.
   


About the Author



Back to Top ↑